REVOCA DELLA SCOMUNICA AI VESCOVI LEFEBVRIANI E COLLOQUI DOTTRINALI

REMISSIONE DELLA SCOMUNICA LATAE SENTENTIAE AI VESCOVI DELLA FRATERNITÀ SACERDOTALE SAN PIO X

IL MOTU PROPRIO ECCLESIAE UNITATEM E I COLLOQUI DOTTRINALI

Lettera Apostolica "Motu Proprio data" Ecclesiae unitatem (2 luglio 2009)
 
 
COMUNICATO DELLA SALA STAMPA SULLA DICHIARAZIONE DEL CAPITOLO GENERALE DELLA FRATERNITÀ SAN PIO X (19 luglio 2012)

COMUNICATO DELLA SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE (16 maggio 2012)

COMUNICATO DELLA PONTIFICIA COMMISSIONE "ECCLESIA DEI" (18 aprile 2012)

COMUNICATO: INCONTRO TRA IL PREFETTO DELLA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE E IL SUPERIORE GENERALE DELLA FRATERNITÀ SACERDOTALE SAN PIO X (16 marzo 2012)

COMUNICATO: INCONTRO TRA LA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE E LA FRATERNITÀ SACERDOTALE SAN PIO X (14 settembre 2011)

Articoli e commenti

Padre Lombardi: I rapporti con i lefebvriani vengono affidati dal Papa al suo successore

Lettera di mons. Müller in cui si chiede alla Fraternità San Pio X di rispondere positivamente all'accordo proposto dalla Santa Sede entro il 22 febbraio 2013, festa della Cattedra di San Pietro. In caso di mancata risposta verrà chiesto ai sacerdoti di rientrare in comunione singolarmente

Vescovo di Losanna-Ginevra-Friburgo: i lefebvriani sono sospesi 'a divinis', è vietato l'uso delle chiese e delle cappelle cattoliche per qualsiasi servizio sacerdotale e in particolare per l'amministrazione dei sacramenti

Mons. Di Noia: Benedetto XVI è estremamente desideroso di superare le tensioni esistenti nella Chiesa e la vostra Fraternità San Pio X. L’unico futuro immaginabile è sul cammino verso la piena comunione con la Santa Sede

Lettera di otto pagine dal segretario di 'Ecclesia Dei' Di Noia alla Fraternità San Pio X: le relazioni sono ancora aperte e piene di speranza, dibattere le questioni controverse con uno spirito di apertura

Mons. Fellay: chi si è maggiormente opposto al fatto che la Chiesa potesse riconoscere la Fraternità San Pio X sono i nemici della Chiesa, gli ebrei, i massoni, i modernisti. Distretto statunitense: concetto religioso

Mons. Fellay: con la Santa Sede le cose sono bloccate, si è tornati al punto di partenza. La 'nuova' Messa è cattiva, vescovi e cardinali benedicono le vie che portano all'inferno

Facciamo chiarezza sui cattolici tradizionalisti: non sono scismatici ma pienamente dentro la Chiesa, nessuna confusione coi lefebrvriani. Sono legati alla liturgia del Messale di San Pio V, liberalizzato dal 'Summorum Pontificum'

Card. Koch: di fronte agli ebrei, il Papa mi ha incaricato di presentare la questione in maniera corretta, la dichiarazione ‘Nostra aetate’ non è minimamente rimessa in discussione dal Magistero della Chiesa

Distretto italiano lefebvriani: dolorosa esclusione di Williamson giustificata da motivi puramente disciplinari, che duravano da più anni. Nessun cedimento alla 'Chiesa conciliare'

I lefebvriani espellono il vescovo Richard Williamson: decisione dolorosa ma necessaria per la preoccupazione del bene comune della Fraternità San Pio X e del suo buon governo

Primo assistente di mons. Fellay: gli sforzi compiuti sinora non hanno fallito ma un accordo in tempi brevi tra la Santa Sede e la Fraternità San Pio X è improbabile

Mons. Müller: non possiamo abbandonare la fede cattolica nei negoziati con la Fraternità San Pio X. Non penso che ci saranno nuove discussioni

Superiore lefebvriani tedeschi: diremo alla Santa Sede che le sue richieste dovranno essere abbandonate se si vuole arrivare a una normalizzazione. Lettera del Papa risposta a una nostra domanda

Lettera del Papa a mons. Fellay: per essere veramente reintegrati nella Chiesa accettare il Concilio Vaticano II e il Magistero post-conciliare. Mons. Tissier da per impossibile l'accordo con la Santa Sede

Superiore lefebvriani tedeschi: condannare errori del Concilio, celebrare con l'antico Messale e un nostro vescovo le condizioni per il ritorno a Roma

La Santa Sede attende la risposta della Fraternità San Pio X, disponibile a discutere di questioni pastorali e disciplinari ma non dottrinali

Don Lorenzi: il problema di Lefebvre era già nei pensieri e nelle preoccupazioni di Papa Luciani, gli stava a cuore immensamente l'unità della Chiesa

I lefebvriani scozzesi abbandonano mons. Fellay e si riconciliano con il Papa

Card. Koch: il concetto secondo cui un Concilio può essere in errore risale a Martin Lutero. L'ecumenismo un tema centrale del Vaticano II

Le tre condizioni irrinunciabili della Fraternità San Pio X per il riconoscimento canonico, tra cui la libertà di criticare e correggere il Concilio

Santa Sede: prendiamo atto della dichiarazione del Capitolo generale dei lefebvriani, ma attendiamo la comunicazione ufficiale per continuare dialogo

Per i lefevriani ora il Papa è luterano e Roma torna nemica. L'attacco dopo la rottura dei negoziati: non abbiamo paura delle scomuniche vaticane

A Econe capitolo generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X. Franca cordialità nei colloqui sullo stato delle relazioni con la Santa Sede

Ambasciatore israeliano Lewy: positivo il ruolo di Di Noia nel dialogo con i lefebvriani

Superiore della Fraternità San Pio X: allo stato attuale con la Santa Sede siamo a un punto morto, al punto di partenza. Non possiamo firmare

Lettera del segretario generale della Fraternità San Pio X: il preambolo dottrinale tornato quello di settembre, per mons. Fellay è inaccettabile

Mons. Di Noia nominato vicepresidente Commissione 'Ecclesia Dei'. Congregazione per la Dottrina della Fede: segno di sollecitudine pastorale del Papa per tradizionalisti

Incontro di mons. Fellay con il card. Levada: alla Fraternità San Pio X proposta una prelatura personale in vista di un eventuale riconoscimento

Superiore dei lefebvriani ricevuto dal card. Levada per comunicargli quanto deciso dal Papa riguardo alle modifiche proposte al preambolo dottrinale

Mons. Fellay: è l’atteggiamento della Chiesa ufficiale che è cambiato, non noi. La piena accettazione del Concilio non è più una condizione

Superiore dei lefebvriani francesi: facciamo astinenza da internet e preghiamo perchè i vescovi siano illuminati per la buona battaglia della Fede

Superiore distretto italiano Fraternità San Pio X: chiara l'intenzione di dividerci, stiamo uniti nella battaglia contro errori penetrati nella Chiesa

Card. Koch: anche il Concilio Vaticano II con tutti i suoi testi sono vincolanti per un cattolico. Non c'è posto nella Chiesa per un negazionista

Santa Sede: osservazioni sulla risposta in ulteriori discussioni con la Fraternità San Pio X. Trattative separate e singole con gli altri tre vescovi

Don Bux: è il momento favorevole per il ritorno dei lefebvriani nella piena comunione. Alcuni gruppi negano verità più importanti del Concilio

La Fraternità San Pio X tra fughe di notizie e la prospettiva di una scissione interna in vista del rientro nella piena comunione con la Chiesa

Lo scambio di lettere tra il superiore della Fraternità San Pio X e gli altri tre vescovi ordinati da mons. Lefebvre, contrari all'accordo con Roma

La Fraternità San Pio X in attesa del 'sì' di Benedetto XVI. Il protocollo d'intesa concordato nel 1988 da Lefebvre con il card. Ratzinger

Chi 'spara' sull’accordo tra Roma e i lefebvriani? La divulgazione di una lettera di mons. Pozzo al superiore dell’Istituto Buon Pastore

Fraternità San Pio X: la stampa parla di una risposta positiva di mons Fellay, la realtà è diversa. Si tratta di una tappa, non una conclusione

Commissione 'Ecclesia Dei': arrivata la risposta di mons. Fellay, sarà esaminata dal dicastero e quindi dal Papa. Lombardi: passi avanti incoraggianti

Il superiore della Fraternità San Pio X ha sottoscritto il preambolo dottrinale proposto dalla Santa Sede, anche se con qualche lieve modifica

L’accordo tra la Santa Sede e la Fraternità Sacerdotale San Pio X è vicino. Si profila la
'prelatura personale' direttamente dipendente dal Papa


Mons. Pozzo: al 14 aprile non è ancora giunta la risposta dei lefebvriani al preambolo dottrinale, speriamo arrivi all'inizio della prossima settimana

Lefebvriani: stiamo comunicando la risposta al Vaticano, non diversa dalla precedente ma con alcune chiarificazioni. Poi attendiamo la loro risposta

Il lefebvriano Schmidberger: preambolo non accettabile, aspettiamo la risposta di Roma. Nessuna riconciliazione se ci chiede di accettare il Concilio

Il superiore della Fraternità San Pio X: nostro dovere continuare a bussare alla porta, pregare perché possano cambiare atteggiamento verso di noi

Mons. Fellay: siamo obbligati a dire 'no' alla proposta di riconciliazione della Santa Sede, d'accordo sul principio ma le conclusioni sono opposte

La Santa Sede sta esaminando la risposta vera e propria del superiore della Fraternità San Pio X al preambolo dottrinale

Arrivato in Vaticano un testo della Fraternità San Pio X: una documentazione, non una risposta al preambolo. Cresce il dissenso alla linea di Fellay

Mons. Fellay: a breve la risposta al Preambolo dottrinale vaticano. Così non può ricevere la nostra approvazione, chiederemo chiarimenti e modifiche

Rabbino Rosen: ho ricevuto l'assicurazione da parte del card. Kurt Koch che non c'è possibilità di arrivare ad una riconciliazione che comprometta 'Nostra Aetate'. I lefebvriani questione interna alla Chiesa

Il dissenso interno della Fraternità San Pio X sul 'Preambolo dottrinale' del Vaticano. Il superiore inglese parla dell'incontro dei vertici ad Albano

La situazione della Fraternità San Pio X dopo la consegna del preambolo dottrinale della Santa Sede. Un nuovo caso Williamson: scisma nello scisma?

Mons. Pozzo: possibile per i lefebvriani chiedere precisazioni e chiarimenti sul Preambolo dottrinale. Superare il pregiudizio sulla liturgia antica

Superiore Fraternità San Pio X: l'offerta della Santa Sede va esaminata profondamente, ma la proposta dottrinale e quella canonica non sono chiare

Vertici della Fraternità San Pio X convocati il 7 e l’8 ottobre 2011 ad Albano Laziale per discutere il preambolo dottrinale. I rilievi degli ebrei

Mons. Fellay: dovrò consultarmi con gli altri membri della Fraternità. Studieremo a fondo il 'Preambolo dottrinale' vaticano per il tempo necessario

Santa Sede: colloqui con lefebvriani hanno chiarito posizioni e motivazioni. Piena riconciliazione se accettano il documento su principi dottrinali

Il 14 settembre 2011 il card. Levada consegnerà a Fellay un documento di due pagine con valutazioni vaticane dei colloqui su cui la Fraternità San Pio X dovrà pronunciarsi

Mons. Fellay: prima la fede, a ogni costo, persino davanti al riconoscimento della Chiesa. Sull'incontro con Levada non bisogna correre dietro a voci

Il superiore generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X convocato in Vaticano il 14 settembre. Allo studio l'istituzione di un'Ordinariato

Padre Lombardi: illegittime le recenti ordinazioni sacerdotali della Fraternità San Pio X. Alla cerimonia presente anche il negazionista Williamson

Verso la fine dei colloqui dottrinali tra Vaticano e lefebvriani, incerto l'esito. A settembre probabile incontro tra il card. Levada e mons. Fellay

Mons. Fellay: distinguere l'obiettivo della Santa Sede e quello della Fraternità San Pio X dei colloqui dottrinali prossimi alla conclusione

'Luce del mondo'. Benedetto XVI sui lefebvriani

Il 19 marzo 2010 terzo incontro tra la delegazioni della Santa Sede e della Fraternità San Pio X. Le divisioni e le diverse posizioni sui colloqui dottrinali

Mons. Fellay: il clima dei colloqui dottrinali tra lefebvriani e Santa Sede sereno e tranquillo. Gli interlocutori del Papa menti brillanti

Mons. Fellay: dai colloqui dottrinali con la Santa Sede umanamente non vediamo arrivare un accordo ma le cose sono nelle mani di Dio

L'agenzia I.Media: si è svolta il 18 gennaio 2010 la seconda riunione della commissione sui problemi dottrinali tra Santa Sede e Fratenità San Pio X

Il portavoce italiano dell'Opus Dei: evitare confusione sul possibile status dei lefebvriani, la Prelatura personale non è come l'Ordinariato militare

La precisazione del portavoce vaticano: il prossimo incontro tra la Santa Sede e la Fraternità San Pio X non avverrà prima di gennaio

Primo incontro in un clima cordiale e costruttivo della Commissione di studio sulle difficoltà dottrinali tra la Fraternità San Pio X e la Santa Sede

Mons. Fellay: la Santa Sede si sta indirizzando verso la Prelatura personale per la Fraternità San Pio X. Il Papa più aperto di molti vescovi

I temi più controversi per i lefebvriani sul tavolo dei colloqui dottrinali. La Fraternità pensa allo status di 'prelatura personale'

Dichiarazione del portavoce vaticano: inizieranno lunedì 26 ottobre 2009 i colloqui dottrinali tra la Santa Sede e la Fraternità Sacerdotale San Pio X

I colloqui dottrinali con la Santa Sede, il governo della Chiesa, l'autorità del Papa e la Messa in latino: mons. Bernard Fellay a tutto campo

Non prima di metà ottobre 2009 l'inizio dei colloqui dottrinali della Santa Sede con la Fraternità San Pio X. I nomi della commissione vaticana

Mons. De Galareta guiderà la commissione di preti, professori e teologi della Fraternità San Pio X nei colloqui dottrinali con la Santa Sede

Motu Proprio 'Ecclesiae unitatem'. Il card. Levada: finchè le questioni dottrinali non saranno chiarite i lefebvriani non avranno uno status canonico

Motu Proprio 'Ecclesiae unitatem'. Il Papa: Ecclesia Dei collegata alla Congregazione per la Dottrina della Fede per i colloqui con i lefebvriani

Mons. Fellay: discussione profonda nella direzione giusta con serenità e calma

Il superiore tedesco della Fraternità: la Santa Sede considera di erigere per noi una prelatura personale

Mons. Fellay: le ordinazioni un passo per la nostra sopravvivenza. Proponiamo soluzioni alla crisi della Chiesa

La Santa Sede: illegittime le nuove ordinazioni. Prossima la definizione di uno status per 'Ecclesia Dei'

Mons. Fellay: entro sabato il Motu Proprio per la ristrutturazione della commissione Ecclesia Dei

Nelle prossime settimane il Motu Proprio del Papa per il passaggio della commissione Ecclesia Dei alla Congregazione per la dottrina della fede

La Congregazione per la dottrina della fede prepara il dialogo dottrinale voluto da Benedetto XVI

LA REMISSIONE DELLA SCOMUNICA E IL 'CASO WILLIAMSON'


Lettera ai vescovi della Chiesa Cattolica riguardo alla remissione della scomunica dei 4 vescovi consacrati dall'arcivescovo Lefebvre (10 marzo 2009)

NOTA DELLA SEGRETERIA DI STATO

DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE DELLA SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE

Articoli e commenti