AVVENTO 2012

ALTRI SPECIALI

ANNO DELLA FEDE
 

NATALE 2012

ARTICOLI E COMMENTI

Benedetto XVI: il mistero dell’Incarnazione è al cuore della nostra fede. Possa questa festa della Natività fortificarla! Mettiamo da parte le preoccupazioni dei preparativi esteriori e ogni aspetto superficiale per seguire la Vergine nel suo silenzio e nel suo raccoglimento

IV Domenica. Il Papa: dove c’è accoglienza reciproca, ascolto, il fare spazio all’altro, lì c’è Dio e la gioia che viene da Lui. Imitiamo Maria facendo visita a quanti vivono un disagio, in particolare gli ammalati, i carcerati, gli anziani e i bambini. Senza desiderarlo non conosceremo mai il Signore, senza attenderlo non lo incontreremo, senza cercarlo non lo troveremo

Presentazione degli auguri natalizi alla Curia romana. Il Papa: non siamo noi a possedere la verità, ma è essa a possedere noi: Cristo, che è la Verità, ci ha presi per mano, e sulla via della nostra ricerca appassionata di conoscenza sappiamo che la sua mano ci tiene saldamente. Là dove Dio viene negato, si dissolve anche la dignità dell’uomo. Chi difende Dio, difende l’uomo

Predica di padre Cantalamessa: la gioia cristiana è interiore, non viene dal di fuori, ma dal di dentro. Può far sì perciò che si abbondi di gioia anche nelle tribolazioni. Si esprime in pace del cuore, pienezza di senso, capacità di amare e di lasciarsi amare e soprattutto in speranza

Udienza ai ragazzi dell'Azione cattolica. Il Papa: se lo sappiamo ascoltare, se gli facciamo spazio nella nostra vita, Dio scioglie l’egoismo che spesso inquina i rapporti tra le persone e tra le Nazioni e fa sorgere desideri di riconciliazione, di perdono e di pace, anche in chi ha il cuore indurito

Benedetto XVI saluta la comunità dei Legionari di Cristo e gli Zampognari del Matese, di Boiano: rendere più intenso l’impegno di preghiera e di opere buone affinché il Natale riempia i cuori della gioia che solo Cristo può dare

Udienza generale. Il Papa: la gloria di Dio prende dimora nel grembo di una vergine, si rivela nella povertà di un bambino. L’onnipotenza di Dio, anche nella nostra vita, agisce con la forza, spesso silenziosa, della verità e dell’amore. La fede ci dice che l’indifesa potenza di quel Bambino alla fine vince il rumore delle potenze del mondo

Benedetto XVI: mentre benedico le statuine di Gesù che metterete nei vostri presepi, benedico di cuore ciascuno di voi e le vostre famiglie, gli educatori e il Centro Oratori Romani

Angelus. Il Papa: la giustizia chiede di superare lo squilibrio tra chi ha il superfluo e chi manca del necessario, la carità spinge ad essere attento all’altro e ad andare incontro al suo bisogno. Entrambe non si oppongono, ma sono entrambe necessarie e si completano a vicenda

Il Papa: Gesù reca agli uomini la salvezza, una nuova relazione con Dio che vince il male e la morte, e porta la vera gioia per questa presenza del Signore che viene a illuminare il nostro cammino che spesso è oppresso dalle tenebre dell’egoismo

Benedetto XVI in visita pastorale alla parrocchia di San Patrizio a Colle Prenestino, nel settore est della diocesi di Roma. Prima della Messa il saluto alle giovani coppie: il Papa ha accarezzato e benedetto uno per uno i bambini battezzati nell'ultimo anno

All'Angelus di domenica 16 dicembre i bambini e i ragazzi degli oratori di Roma portano a Benedetto XVI i Bambinelli dei presepi per la tradizionale benedizione

Domenica 16 dicembre la visita di Benedetto XVI alla parrocchia romana di San Patrizio al Colle Prenestino. Ad accoglierlo le giovani coppie con bambini battezzati nel corso dell'anno. Don Fasciani: siamo il punto di riferimento della zona

Predica di padre Cantalamessa: Concilio Vaticano II nuova desiderata Pentecoste. A 50 anni constatiamo il compimento da parte di Dio della promessa fatta alla Chiesa per bocca di Giovanni XXIII. Quale altra grande novità è apparsa nella storia della Chiesa senza sbavature umane?

Il Papa: Maria ci dice che, per quanto l'uomo possa cadere in basso, non è mai troppo in basso per Dio, disceso fino agli inferi, per quanto il nostro cuore sia sviato, Dio è sempre 'più grande del nostro cuore'. Il soffio mite della Grazia può disperdere le nubi più nere, può rendere la vita bella e ricca di significato anche nelle situazioni più disumane

In Piazza di Spagna Benedetto XVI presiede l'atto di venerazione all'Immacolata e depone un omaggio floreale ai piedi della statua. Migliaia di fedeli lo accolgono anche nelle vie adiacenti

Angelus della Solennità dell'Immacolata Concezione. Il Papa: in Maria è pienamente viva e operante quella relazione con Dio che il peccato spezza. In lei non c’è alcuna opposizione tra Dio e il suo essere, c’è piena comunione, piena intesa, un 'sì' reciproco. Maria è libera dal peccato perché è tutta di Dio, totalmente espropriata per Lui. E’ piena della sua Grazia, del suo Amore

Prima predica di padre Cantalamessa: la nostra situazione è tornata a essere la stessa del tempo degli apostoli. Abbiamo davanti, almeno in certi ambienti, un mondo postcristiano da rievangelizzare. Dobbiamo riportare alla luce la spada dello Spirito che è l’annuncio, in Spirito e potenza, di Cristo morto e risorto

I Domenica d'Avvento. Il Papa: in mezzo agli sconvolgimenti del mondo, o ai deserti dell’indifferenza e del materialismo, i cristiani accolgono da Dio la salvezza e la testimoniano con un diverso modo di vivere, come una città posta sopra un monte

Primi Vespri della I Domenica d'Avvento. Il Papa: la fede cristiana non è adesione ad un dio generico o indefinito, ma al Dio vivo che in Gesù Cristo, Verbo fatto carne, è entrato nella nostra storia e si è rivelato come il Redentore dell’uomo. Credere significa affidare la propria vita a Colui che solo può darle pienezza nel tempo e aprirla ad una speranza oltre il tempo

Attendere e sperare? Editoriale di padre Lombardi


Con gioiosa pazienza: un tempo di attesa e di speranza nell'Anno della fede

Da venerdì 7 dicembre le prediche di padre Cantalamessa alla presenza di Benedetto XVI e della Curia romana sul tema 'Un anno di grazia del Signore': sia davvero come quello annunciato da Gesù nella sinagoga di Nazaret

Sabato 1° dicembre il Papa presiede i Primi Vespri della I Domenica nella Basilica Vaticana. La celebrazione coincide con il tradizionale incontro gli universitari degli Atenei romani

Angelus. Benedetto XVI: sabato 1° dicembre i Primi Vespri d'Avvento con gli universitari romani

LE PAROLE DEL PAPA

Omelie


1° dicembre 2012, Primi Vespri con gli Universitari degli Atenei Romani e delle Università Pontificie

Angelus

IV Domenica, 23 dicembre 2012

III Domenica, 16 dicembre 2012

II Domenica, 9 dicembre 2012

Solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, 8 dicembre 2012

I Domenica, 2 dicembre 2012

Discorsi
 

Alla delegazione dei ragazzi dell'Azione Cattolica Italiana (20 dicembre 2012)

Alla delegazione del Comune di Pescopennataro (Isernia), per il dono dell'albero di Natale in Piazza San Pietro (14 dicembre 2012)

Atto di venerazione alla Madonna in Piazza di Spagna (8 dicembre 2012)

Catechesi e altro

Articolo per il Financial Times "Tempo di impegno nel mondo per i cristiani" (20 dicembre 2012)

Udienza generale, 19 dicembre 2012, Maria Vergine: Icona della fede obbediente

PREDICHE DI PADRE RANIERO CANTALAMESSA